Le terapie farmacologiche, in particolare quella con bifosfonati, per la prevenzione delle fratture nei pazienti con osteoporosi sono associate a una riduzione dei tassi di mortalità?

Per rispondere a tale domanda, è stata condotta una metanalisi di 38 studi clinici randomizzati di trattamenti farmacologici (in particolare sono stati presi in considerazione trattamenti con bifosfonati) che avevano coinvolto 101.642 pazienti unici con osteoporosi.

I risultati della metanalisi hanno dimostrato che queste terapie non sono associate a una riduzione dei tassi di mortalità complessiva e suggeriscono che i trattamenti farmacologici per l’osteoporosi, inclusa la terapia con bifosfonati, dovrebbero essere raccomandati solo per la prevenzione delle fratture e non per ridurre ulteriormente la mortalità. Ciò contraddice quanto riportato da studi precedenti; ma se fosse vero che il trattamento con bifosfonati, e in particolare con zoledronato, ridurrebbe la mortalità complessiva e non solamente il rischio di fratture, queste terapie dovrebbero essere raccomandate per questo motivo, indipendentemente dal rischio di frattura del paziente.

Gli studi clinici inclusi nella matanalisi avevano queste caratteristiche:

  1. erano clinical trial randomizzati e controllati con placebo;
  2. si riferivano a trattamenti farmacologici con comprovata efficacia antifrattura;
  3. erano relativi a medicinali usati alla dose approvata per il trattamento dell’osteoporosi;
  4. avevano avuto una durata di 1 anno o più.

Associazione di tutti i trattamenti farmacologici, in particolare dei trattamenti con bifosfonati e zoledronato, con mortalità complessiva

Dei 38 studi clinici presi in considerazione e che hanno incluso 101.642 partecipanti unici, 38 sono stati inclusi nelle metanalisi di tutti i trattamenti farmacologici (4.5594 partecipanti randomizzati al placebo; 56.048 al trattamento); 21 studi clinici nelle metanalisi di trattamenti con bifosfonati (20.244 partecipanti randomizzati al placebo; 22.623 al trattamento); e 6 studi clinici nelle metanalisi di trattamenti con zoledronato (6.944 partecipanti randomizzati al placebo; 6.926 al trattamento).

Non è stata trovata alcuna associazione significativa tra tutti i trattamenti farmacologici per l’osteoporosi e il tasso di mortalità generale (rapporto di rischio [RR], 0,98; IC al 95%, 0,91-1,05; I2 = 0%). Gli studi clinici sul trattamento con bifosfonati (RR, 0,95; IC 95%, 0,86-1,04) non hanno mostrato alcuna associazione significativa con la mortalità generale. Inoltre, gli studi clinici sul trattamento con zoledronato (RR, 0,88; IC al 95%, 0,68-1,13) non hanno mostrato alcuna associazione con il tasso di mortalità globale; tuttavia, esistevano prove di eterogeneità dei risultati (I2 = 48,2%).

I risultati di questa metanalisi suggeriscono che il trattamento con bifosfonati potrebbe non essere associato a una riduzione dei tassi di mortalità globali oltre a una riduzione del rischio di fratture e dovrebbe essere raccomandato solo per ridurre il rischio di fratture. Per chiarire se la terapia con zoledronato riduce i tassi di mortalità sono invece necessari ulteriori approfondimenti

Bibliografia

Steven R. Cummings, Li-Yung Lui, Richard Eastell, et al. Association Between Drug Treatments for Patients With Osteoporosis and Overall Mortality Rates. A Meta-analysis. [pubblicato online 19 agosto 2019] JAMA Intern Med. doi:10.1001/jamainternmed.2019.2779