Gli ormoni tiroidei sono fattori importanti che regolano il metabolismo e la differenziazione cellulare in tutto il corpo umano.

Una complicanza della patologia tiroidea è rappresentata da un’alterazione del metabolismo osseo che può portare a osteoporosi e a fratture da fragilità, solitamente associate a un alto rischio di mortalità entro il primo anno.

Sebbene vi sia un consenso sull’impatto negativo dell’ipertiroidismo sul metabolismo osseo, quando ci si riferisce a ipotiroidismo, ipotiroidismo subclinico o ipertiroidismo subclinico, non c’è accordo generale.
Per aggiornare medici e ricercatori sui dati attuali riguardanti la salute delle ossa nei pazienti con ipotiroidismo, ipotiroidismo subclinico e ipertiroidismo subclinico, un gruppo di ricercatori rumeni ha condotto una revisione della letteratura.

Patologie della tiroide e salute delle ossa

Ipotiroidismo

L’ipotiroidismo è rappresentato dal deficit di ormone tiroideo ed è una patologia diffusa in tutto il mondo, con una prevalenza fino al 7% nella popolazione generale. Le cause dell’ipotiroidismo possono essere suddivise in primarie, centrali e periferiche. L’ipotiroidismo primario è rappresentato dalla carenza di ormone tiroideo e comprende tiroidite autoimmune cronica, carenza di iodio o trattamento con radioiodio. L’ipotiroidismo centrale è rappresentato da deficit di ormone tireostimolante (TSH) o da deficit di ormone di rilascio della tireotropina (TRH) e include tumori ipofisari, disfunzione ipofisaria o disfunzione ipotalamica. L’ipotiroidismo periferico è rappresentato dalla resistenza periferica agli ormoni tiroidei e comprende una ridotta sensibilità agli ormoni tiroidei e la sindrome da consumo.

La diagnosi di ipotiroidismo richiede l’esame dei livelli di ormone stimolante la tiroide (TSH) e tiroxina libera. Se il livello di TSH è superiore all’intervallo normale, mentre il livello di tiroxina libera (FT4) è inferiore all’intervallo normale, viene diagnosticato l’ipotiroidismo primario. Quando è presente ipertiroidismo centrale (ipotiroidismo sia secondario che terziario), il livello di TSH può essere normale o basso, mentre il livello di FT4 è basso. L’ipotiroidismo periferico è una malattia congenita.

L’attuale trattamento dell’ipotiroidismo è rappresentato dalla monoterapia con levotiroxina. La dose viene aggiustata fino a normalizzare i livelli di TSH. Inoltre, in alcuni sottogruppi di pazienti può essere utilizzata una terapia di associazione levotiroxina-liotironina. Le complicanze dell’ipotiroidismo includono gozzo, malattie cardiovascolari, mixedema, infertilità e problemi di salute mentale.

Ipotiroidismo subclinico

L’ipotiroidismo subclinico è una forma lieve di ipotiroidismo definita come un livello di TSH più alto con un livello normale di tiroxina libera (FT4) sierica. Si ritiene che oltre il 20% delle donne di età superiore ai 75 anni presenti questa condizione. Le cause dell’ipotiroidismo subclinico includono tiroidite autoimmune, trattamento con radioiodio, tiroidectomia subtotale, tiroidite subacuta, farmaco-indotto e recettore del TSH. Chi soffre di ipotiroidismo subclinico ha maggiori probabilità di presentare affaticamento rispetto ai pazienti eutiroidei. Una revisione ha mostrato associazioni tra ipotiroidismo subclinico e malattia coronarica in pazienti più giovani con alti livelli di TSH, insufficienza cardiaca in pazienti con TSH>10 mIU/L, malattia cerebrovascolare in pazienti più giovani con alti livelli di TSH, profili lipidici avversi e diabete di tipo 2. Nessuna associazione è stata trovata tra ipotiroidismo subclinico e compromissione cognitiva, fragilità e funzione neuropsicologica. Attualmente non vi è consenso sull’opportunità di trattare l’ipotiroidismo subclinico.

Ipertiroidismo subclinico

L’ipertiroidismo subclinico è la forma lieve di ipertiroidismo ed è definito come un basso livello di TSH associato a livelli normali di tiroxina libera (FT4) e triiodotironina libera (FT3). Può essere causato dal morbo di Graves, dal gozzo tossico multinodulare, dall’adenoma tiroideo a funzionamento autonomo o da una condizione iatrogena nel carcinoma tiroideo differenziato. L’ipertiroidismo subclinico aumenta il rischio di fibrillazione atriale, insufficienza cardiaca e mortalità complessiva (specialmente se i livelli di TSH sono <0,1 mIU/L). Il trattamento è raccomandato nei pazienti con TSH <0,1 mIU/L e di età pari o superiore a 65 anni, con malattie cardiache, sintomi di ipertiroidismo, osteoporosi o post-menopausa. Nel caso di un livello di TSH compreso tra 0,1 e 0,4 mIU/L e delle comorbidità menzionate, il trattamento è controverso.

Ipotiroidismo e salute delle ossa

La maggior parte degli studi dimostra che l’ipotiroidismo riduce la BMD e che valori di TSH sia al di sopra che al di sotto dei valori di riferimento riducono la BMD.

Per quanto riguarda l’incidenza del rischio di frattura nei pazienti con ipotiroidismo, due studi condotti su 92.341 e 16.249 pazienti hanno mostrato una maggiore incidenza di fratture in questi pazienti. Di conseguenza, i ricercatori ritengono che l’ipotiroidismo debba essere considerato un fattore di rischio per le fratture osteoporotiche.

Il trattamento dell’ipotiroidismo può invertire l’effetto negativo sull’osso?

Gli studi hanno dimostrato che il trattamento eccessivo dell’ipotiroidismo con levotiroxina è il principale fattore negativo sul metabolismo osseo e sul rischio di frattura.

I ricercatori non hanno trovato dati relativi alla possibilità che un trattamento dell’ipotiroidismo correttamente bilanciato possa invertire gli effetti negativi sull’osso.

Malattia autoimmune della tiroide e salute delle ossa

La malattia di Hashimoto può influenzare l’osteoprotegerina/attivatore del recettore del sistema ligando del fattore nucleare kappa-B (OPG/RANKL) e, a parte l’ipotiroidismo, portare potenzialmente a ulteriore perdita ossea. La presenza di anticorpi contro la perossidasi tiroidea (TPOAb) può essere un marker di aumento del rischio di fratture nelle donne eutiroidee in postmenopausa.

Ipotiroidismo subclinico e salute delle ossa

Sebbene studi precedenti abbiano dimostrato che l’ipotiroidismo subclinico abbia una ridotta influenza sulla perdita BMD e sull’aumento del rischio di frattura, i dati più recenti contraddicono questi risultati: dal 2014, tutti gli studi, sia prospettici che retrospettivi, non hanno mostrato alcuna influenza dell’ipotiroidismo subclinico né sulla BMD né sul rischio di frattura.

I dati recenti non indicano alcun impatto dell’ipotiroidismo subclinico sull’osteoporosi o sulle fratture da fragilità.

Gli stessi risultati sono stati ottenuti nel caso di trattamento di ipotiroidismo subclinico con levotiroxina. I dati prospettici più recenti contraddicono studi precedenti e concludono che il trattamento dell’ipotiroidismo subclinico con levotiroxina non influisce sulla salute delle ossa.

Ipertiroidismo subclinico e salute delle ossa

L’ipertiroidismo subclinico è considerato dalla maggior parte degli studi associato a una BMD inferiore e a un aumentato rischio di frattura. Solo pochi studi hanno dimostrato che l’ipertiroidismo subclinico non è predittivo di fratture accidentali dell’anca.

Pazienti affetti da ipertiroidismo subclinico possono presentare rischio più elevato di fratture rispetto ai pazienti eutiroidei.

I ricercatori hanno trovato solamente uno studio in cui è stato testato l’impatto della terapia con radioiodio nel caso dell’ipertiroidismo subclinico: il radioiodio ha effetti benefici sulla BMD, ma sono necessari ulteriori dati per supportare tale conclusione.

Disturbi della tiroide, osteoporosi e rischio di fratture

L’osteoporosi e le fratture da fragilità sono complicanze importanti dei disturbi della tiroide, associate a un aumento della mortalità.

I disturbi della tiroide hanno un impatto importante sul metabolismo osseo: ipertiroidismo e ipertiroidismo subclinico sono associati a una diminuzione della BMD e a un aumento del rischio di fratture

Il trattamento dell’ipotiroidismo con levotiroxina ha un’influenza sulla salute delle ossa simile all’ipertiroidismo.
L’ipotiroidismo subclinico, d’altra parte, non è associato a osteoporosi o fratture da fragilità e il trattamento dell’ipertiroidismo subclinico con iodio radioattivo potrebbe migliorare la salute delle ossa.

La revisione

D Apostu, O Lucaciu, D Oltean-Dan, A Mureșan, C Moisescu-Pop, A Maxim, H Benea The Influence of Thyroid Pathology on Osteoporosis and Fracture Risk: A Review, Diagnostics 2020, 10(3), 149; https://doi.org/10.3390/diagnostics10030149